Tocco te conosco me

“Norma scarabocchia Nadia”. E lo fa con un bel pennello tondo, gonfio di setole, lunghe, morbide, solleticanti. Di quel solletico così delicato che è un piacere stare lì a pancia nuda, semi sdraiata sulla sedia da scrivania nello studio. Il … Continua